Antonio Scherillo

Antonio Scherillo, nato a Varese nel 1907 e laureatosi all’Università di Roma in Scienze Naturali, fu nominato direttore nel 1939, dell’Istituto di Mineralogia di Napoli e del Real Museo Mineralogico. Trovò il Museo in uno stato di disordine indescrivibile, tanto che aveva superato il punto di non-ritorno alla normalità (Scherillo c.p.). La grossa mole di lavoro non lo spaventò così come non si fece scoraggiare dalle enormi difficoltà che gli si presentarono durante e dopo la seconda guerra mondiale. A lui spettò il compito di riorganizzare il museo dopo i gravi danni prodotti dal terremoto del 1930 e dalla II Guerra Mondiale. Riportò nel 1967, con grande impegno, al suo antico splendore il Real Museo Mineralogico in occasione del XVII Congresso della Società Italiana di Mineralogia e Petrologia. Riordinò i reperti in quattro Collezioni: Collezione generale, Collezione Vesuviana, Collezione dei minerali dei tufi campani e Collezione Grandi Cristalli.

Dopo essersi inizialmente dedicato alle ricerche cristallografiche su composti naturali e artificiali, il professore Scherillo si occupò dello studio delle aree vulcaniche laziale e campana, e in particolare, dei minerali del complesso Somma-Vesuvio e dei tufi flegrei.

Leggi anche