Calco di Australopithecus africanus

 

Calco del cranio infantile di Australopiteco trovato a Taung (Sud Africa) nel 1924 e risalente a circa 2.000.000 di anni fa.
La riproduzione presente nel Museo ne rappresenta il busto ed è bipartita in due metà, di cui la sinistra rappresenta gli ipotetici tratti somatici del bambino e la destra il calco vero e proprio del cranio. All’interno del cranio si nota il cosidetto “modello” del cervello.

L’importanza del pezzo è dovuta al fatto che si tratta del primo calco di Australopiteco preparato a Johannesburg nel 1925 da E.J. Macadam sotto la guida di Raymond Dart, suo scopritore.

Fu acquistato da Gioacchino Leo Sera (1878-1960), direttore dell’Istituto e Museo di Antropologia dal 1926 agli anni della II guerra mondiale.

Leggi anche