Carbonati

Calcite

La calcite, CaCO3, è esposta in cinque vetrine e si contano più di duecentosettanta campioni.
Molti reperti con habitus romboedrico e scalenoedrico, provengono dal distretto metallifero dell’Harz, Germania; quattro bellissimi campioni di calcite romboedrica che includono granuli di sabbia delle formazioni mioceniche calcaree provenienti dal distretto di Fontainbleau, presso Parigi. Nella vetrina XXII sono esposti quarantotto campioni di calcite con habitus scalenoedrico provenienti da Eyam, Derbyshire, Inghilterra: spicca tra tutti la coppia di cristalli di dimensioni 21×11 cm. Nella bacheca I sono esposti altri interessanti campioni: calcite lenticolare della Sassonia e del New Mexico; cristalli prismatici provenienti da Nassau, Germania; cristallo scalenoedrico di calcite rossa proveniente dall’Australia; cristallo scalenoedrico di calcite rosa. Sono esposti quattro campioni di calcite in forma di concrezioni stalattitiche provenienti da Sorrento, Campania; tre dalle Grotte di Castellana, Puglia; una lastra di calcite, prelevata in località Faiano, su cui è visibile l’impronta lasciata dalla decomposizione di una foglia.
I cristalli di calcite accompagnati da heulandite e cabasite,  esposti nella bacheca I provenienti da Wassona Bluff, Nuova Scozia e la varietà ferrocalcite bruno-rossa, per la presenza di ferro, proveniente da Melbourn, California, sono di origine idrotermale. Nella bacheca I è esposto un perfetto romboedro di calcite denominato spato d’Islanda (9x 7x 3 cm), varietà limpida e trasparente di calcite, prende il nome dal rinvenimento di tali cristalli nelle cavità di un basalto presso Eskefiord in Islanda.

Siderite, Rodocrosite, Smithsonite

Appartengono alla serie della calcite i seguenti carbonati:

La siderite, FeCO3 è esposta nella vetrina XXVI. Sei campioni provenienti dai giacimenti di origine idrotermale austriaci della Stiria, con cristalli romboedrici scuri per la presenza di abbondante manganese; nella vetrina XXVI sono esposti diversi campioni di rodocrosite, MnCO3, sia in forma massiva che in cristalli. In particolare è esposto un campione di rodocrosite in splendidi cristalli rossi con habitus rombododecaedrico proveniente da Sweet Home Mine, Alma, Colorado (USA); numerosi i campioni di minerale smithsonite, ZnCO3. Tra essi un campione esposto nella bacheca I si presenta in massa verde per impurezze di rame.

Dolomite

La dolomite carbonato doppio di calcio e magnesio, CaMg(CO3)2 è ben rappresentata con circa centoventi campioni. Quasi tutti i campioni provengono dall’Ungheria e sono forme incrostanti sia su roccia che su cristalli dall’habitus cubico. Nella vetrina XXIV è esposto un campione di dolomite incrostante cristalli di quarzo dalla tipica crescita a tramoggia. Nella bacheca I sono esposti due campioni: uno di dolomite bruna (2.8x 3.5x 2.2 cm) proveniente da Traversella, Piemonte, in cui è visibile l’abito romboedrico perfetto ed un campione con aggregati di cristalli tipici di filoni metalliferi (Schemnitz, Ungheria) detti a “sella” per le facce curve.

Aragonite

La vetrina XXVII contiene cristalli di aragonite, fase rombica del carbonato di calcio, stabile rispetto alla calcite a più alte pressioni (polimorfo). Frequente è la paramorfosi di calcite su aragonite, fenomeno ben evidente in otto campioni provenienti dalla Sicilia. Raramente l’aragonite si presenta in cristalli singoli con habitus prismatico allungato, spesso l’allungamento è accentuato dalla presenza di bipiramidi acute che danno un habitus aciculare ben visibile nel campione proveniente dal monte Etna esposto nella vetrina XXVII. Molto frequenti sono i trigeminati di aragonite: tre singoli cristalli si accrescono insieme, simulando un prisma esagonale. Undici campioni di aragonite, provenienti dalle miniere di zolfo presso Agrigento, Sicilia, presentano trigeminati di notevoli dimensioni. Una particolare varietà di aragonite è denominata “flos ferri” e si presenta in aggregati coralloidi. Essa si rinviene nei giacimenti ferriferi austriaci di Eisenerz, Stiria, da dove proviene il campione della vetrina XXVII dove è esposto anche un campione di aragonite pisolitica, in forma di concrezioni a struttura sferoidale, proveniente da Karlsbad, Boemia.

Cerussite, Witherite

Appartengono alla serie dell’aragonite i seguenti carbonati: cerussite, PbCO3, con diciassette campioni esposti provenienti dal distretto minerario dell’Harz, in aggregati di minuti cristalli aciculari. Nella bacheca L sono esposti quattro campioni provenienti da Monteponi e Montevecchi, località della Sardegna, rinomate per aver fornito i più bei cristalli dalla caratteristica geminazione detta a stella; un esemplare di witherite, BaCO3, proveniente da Alston Moor, Cumberland, Inghilterra con cristalli trigeminati che simulano una piramide esagonale a scettro (dimensioni dei singoli cristalli 2.5×2 cm) è esposto nella bacheca L.

Azzurrite, Malachite

Nella vetrina XXVII e nella bacheca L sono esposti numerosi campioni di azzurrite Cu3(CO3)2(OH)2, provenienti da diverse località; tra questi cristalli prismatici (12x10x8 mm) provenienti da Tsumeb, Namibia, Africa, località da cui provengono gli esemplari più noti. Numerosi sono anche i campioni di malachite Cu2CO3(OH)2 in masse concrezionate zonate dal colore verde e un bellissimo campione in concrezioni stalattitiche proveniente da Shaba, Zaire.

Sono esposti altri esemplari appartenenti al gruppo dei carbonati.

Borati

Nella bacheca H sono esposti campioni di Borati:
warwickite, proveniente da Warwick-Orange Co, New York ; pinachiolite, proveniente da Langhan, Vermeland, Scozia ; hulsite, proveniente da Brooks Mt Seward Pen, Alaska ; ludwigite, proveniente da Morawitz, Banato, tra Romania e Serbia (forma cristalli misti con la vonsenite); breislakite, proveniente dal Vulcano Laziale; lagonite proveniente da Lagoni di Toscana ; sussexite, proveniente da Mine Hill, Sussex Co New Jersey (forma miscele isomorfe con l’ascharite); lunebergite, proveniente da Luneburg-Hannover, Germania ; borace, proveniente da Tibet ; ulexite, proveniente da Iquique, Tarapacà, Cile ; pandermite, proveniente da Panderma, Mar di Marmara, Turchia ; larderellite, proveniente da Larderello Monte Cerboli, Toscana ; colemanite in cristalli bianchi, proveniente da San Bernardino Co, California; boracite, proveniente da Luneburg, Hannover, Germania ; hambergite, in cristalli prismatici incolori proveniente da Anjanabonoana, Madagascar.

Leggi anche

  • Elementi NativiElementi Nativi Elementi nativi  Zolfo Nelle vetrine I, II, III sono esposti cinquantaquattro campioni […]
  • AlogenuriAlogenuri Salgemma Nella vetrina VII sono esposti sei campioni di salgemma provenienti dal […]
  • Strumenti StoriciStrumenti Storici La collezione degli strumenti, costruiti tra la seconda metà dell'800 e la prima metà […]
  • Minerali nelle laveMinerali nelle lave La composizione petrografica del Somma-Vesuvio è molto complessa ed esula dallo scopo […]
  • Grande CollezioneGrande Collezione Introduzione Nella sala settecentesca sono esposti circa 6000 campioni della Grande […]
  • SolfatiSolfati Baritina Sono esposti centoquaranta campioni di baritina, BaSO4. La maggior parte dei […]