Collezione Melloni

Macedonio Melloni può essere annoverato tra i maggiori fisici italiani della prima metà dell’800. La sua fama è legata soprattutto alle ricerche sperimentali sulle
radiazioni infrarosse, di cui egli studiò con successo le leggi di propagazione.

Nel 1839 Melloni si trasferisce a Napoli, chiamato dal re Ferdinando II  di Borbone a dirigere un Osservatorio Meteorologico e vesuviano, ancora da erigere, e il Conservatorio di Arti e Mestieri.

Il suo prestigio in seno alla comunità scientifica europea e americana è grande. Il grosso del lavoro sulla radiazione infrarossa è concluso, e a Napoli si occupa soprattutto di altri temi, alcuni dei quali aveva già affrontato in età giovanile e poi accantonati per le ricerche più importanti sul calore radiante.

Gli strumenti che egli utilizzò nel corso delle sue ricerche a Napoli sono tuttora conservati nel Museo di Fisica dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.

Leggi anche

  • Strumenti FerdinandeiStrumenti Ferdinandei La Collezione Reale, con Ferdinando II, si espande notevolmente ed è organizzata secondo […]
  • Collezione RealeCollezione Reale La Collezione del Museo di Fisica deve una parte cospicua della propria dotazione […]
  • Età preunitariaEtà preunitaria Il Gabinetto Fisico è istituito con Regio Decreto del 1811 ed è annesso alla già […]
  • Macedonio MelloniMacedonio Melloni Nato a Parma l'11 aprile 1798, all'età di ventun anni si trasferisce a Parigi per […]
  • Gabinetto FisicoGabinetto Fisico Il Gabinetto fisico è istituito con il regio decreto del 1811 ed è annesso alla già […]
  • Età postunitariaEtà postunitaria Ha una formazione scientifica diversa il nuovo professore di fisica sperimentale […]