I Rettili

Caratteristiche Generali

I Rettili, comparsi circa 350 milioni di anni fa, sono risultati più idonei degli Anfibi a colonizzare gli ambienti terrestri, poiché forniti di pelle spessa con squame cornee che li protegge dalla disidratazione e, per un uovo amniotico in grado di svilupparsi anche lontano dall’acqua. Nei Rettili, la disposizione delle squame varia tra specie e specie ed assume un notevole valore per la loro identificazione. Gli arti sono primitivamente deambulanti ma nelle tartarughe marine sono trasformati in pinne e in molti Squamati (Serpenti e Sauri) sono ridotti o completamente assenti.

Evoluzione

I Rettili, originatisi nel corso del Carbonifero da antenati Anfibi, si diffusero rapidamente nei più vari ambienti terrestri ed, alcuni, anche in ambienti acquatici. In essi si riconoscono tre linee evolutive principali che hanno portato rispettivamente a Testudinati, a Mammiferi e, soprattutto a Squamati, Coccodrilli e Uccelli.

Allosaurus fragilis

Ecologia

Con l’eccezione di alcune tartarughe e sauri, i Rettili sono carnivori. A differenza degli Anfibi, essi non dipendono dall’acqua per la riproduzione. La fecondazione è interna e l’uovo, provvisto di guscio resistente, è ricco di sostanze nutritive. Durante lo sviluppo si formano annessi embrionali che favoriscono l’accrescimento dell’embrione: l’amnios, avvolge l’embrione accogliendo un microambiente umido; il sacco del tuorlo fornisce le sostanze nutritive, mentre l’allantoide permette gli scambi gassosi con l’esterno e accumula le sostanze di rifiuto. Lo sviluppo è diretto.

Distribuzione e conservazione

Sopravvivono attualmente quattro ordini di Rettili, i Testudinati (tartarughe), i Coccodrilli, gli Sfenodonti (tuatara) e gli Squamati (lucertole, serpenti), per un totale di circa 6000 specie diffuse per lo più nelle regioni calde e temperate.

Nel Museo

Nella vetrina 6 sono esposti i Testudinati come un’enorme Tartaruga verde (Chelonia mydas) ed un altrettanto grande esemplare di Tartaruga marina comune (Caretta caretta), la Testuggine palustre (Emys orbicularis) la Trionice africana (Trionix triunguis),caratterizzata dall’avere il guscio morbido, e vari reperti del genere Geochelone , tartarughe terrestri.

Nella vetrina N.7, dedicata all’Ordine Coccodrilli, sono esposti un grosso cranio di Gaviale (Gavialis gangeticus) e l’Alligatore del Mississipi (Alligator mississippiensis), il cui  scheletro è esposto in corrispondenza all’esterno al centro del Salone. Nella riorganizzazione di questa vetrina sono state valorizzate le due preziose teste mummificate di Coccodrillo del Nilo (Crocodilus niloticus) rinvenute da Paolo Panceri a El-Maabdeh nel Medio Egitto durante la spedizione scientifica effettuata nel 1873-74 in collaborazione col Museo Civico di Storia Naturale di Milano.

I Sauri ed i Serpenti sono esposti nelle vetrine 8 e 9, e comprendono esemplari di Ramarro (Lacerta bilineata), Geco comune (Tarentola mauritanica), Orbettino (Anguis fragilis), Vipera comune (Vipera aspis), Biacco (Coluber viridiflavus), Cervone (Elaphe quatuolineata) e Biscia tassellata (Natrix tessellata) per la fauna locale ed il Camaleonte (Chamaeleo chamaeleon), l’Iguana (Iguana iguana) ed il Pitone di Seba (Python sebae) per la fauna esotica. Nel museo presente anche il Gongilo di Portici (Calcides ocellatus), che rappresenta uno dei casi di importazione meglio documentati: nell’anno 1736 Carlo di Borbone fece portare dalla Sicilia molti alberi di agrumi per il parco della Reggia di Portici e tra il terriccio lasciato intorno alle radici c’erano probabilmente alcuni gongili: a partire dalla metà dell’ottocento numerosi esemplari furono rinvenuti nel parco e donati a scienziati e musei di tutta Italia.

Leggi anche

  • Il diorama della foce del VolturnoIl diorama della foce del Volturno Il diorama, esposto nella vetrina 72, è stato realizzato nel 1990 da Vincenzo Cicala, […]
  • I Pesci osseiI Pesci ossei Caratteristiche Generali Gli Osteitti o pesci ossei costituiscono i più diffusi […]
  • Anfibi labirintodontiAnfibi labirintodonti Cranio provvisto di apparato boccale di Archegosaurus decheni (Goldfuss), specie di […]
  • I SireniI Sireni Caratteristiche Generali I Sireni sono un gruppo di Ungulati altamente specializzati […]
  • L’evoluzione della locomozione sul suoloL’evoluzione della locomozione sul suolo Nella storia dei Vertebrati, la colonizzazione delle terre emerse ha richiesto profonde […]
  • Le MadreporeLe Madrepore Phylum Cnidaria (Cnidari) • Classe Antozoa (Antozoi) • Ordine Madreporaria […]