Il diorama della foce del Volturno

Il diorama, esposto nella vetrina 72, è stato realizzato nel 1990 da Vincenzo Cicala, per presentare un ambiente tipico campano. È stata scelta la rappresentazione della foce del Volturno, situata presso Castelvolturno (Caserta), perchè caratterizzata da una serie di canali ed acquitrini, dove le acque dolci e marine si mescolano variamente e la salinità può cambiare, in relazione alle maree, alla portata del fiume e alle piogge, quotidianamente e stagionalmente. Nel diorama sono esposte alcune specie di Uccelli tipici di tale ambiente, colti in atteggiamenti naturali, tra cui una Marzaiola in fase di decollo, un Martin pescatore nell’atto di tuffarsi, un Cannareccione sul nido, un Gufo di palude con una preda nel becco. La comunità di Uccelli di questo ambiente è ricca e diversificata, poiché vi confluiscono specie prettamente marine (come il Corriere grosso o i gabbiani) e specie delle acque interne (come varie anatre), attirate dalla grande disponibilità di cibo e dall’abbondante vegetazione litorale che fornisce rifugio per essi e i loro piccoli. Molti Uccelli migratori che nidificano in zone più settentrionali fanno tappa in quest’area durante le loro migrazioni, oppure vi passano l’inverno. Vari Uccelli nuotano in superficie alla ricerca del cibo mentre la Folaga, la Gallinella d’acqua e il Tuffetto si immergono completamente per catturarlo, le anatre immergono solo il capo e il collo. Il Martin pescatore invece si tuffa sulla preda dall’alto. Altri Uccelli (il Corriere grosso, il Combattente, il Beccaccino e il Voltolino) perlustrano le rive degli specchi d’acqua alla ricerca di piccoli animali nascosti nel fango o, come la Nitticora, fanno la posta ai pesci e alle rane. Nel diorama è rappresentata la rete alimentare: il Cannareccione, il Forapaglie ed il Pendolino catturano in volo gli Insetti, il Migliarino di palude è granivoro e nidifica nei pressi del suolo, gli Uccelli da preda diurni, come il Falco di palude, o notturni, come il Gufo di palude sono rappresentati mentre si nutrono di piccoli mammiferi. Tra i Rettili è rappresentata la Biscia dal collare, che è un serpente semiacquatico, abile nuotatore, che si nutre di una grande varietà di prede ed il Ramarro che frequenta molti ambienti e si avvicina all’acqua solo per bere o catturare Insetti.

Leggi anche