Strumenti Ferdinandei

La Collezione Reale, con Ferdinando II, si espande notevolmente ed è organizzata secondo criteri museali; dopo l’incendio del 6 febbraio del 1837 divampato a Palazzo Reale, iniziano i lavori di ristrutturazione, progettati dall’architetto Gaetano Genovese: in quella occasione il primo piano è adibito a sede di rappresentanza, il secondo a residenza del sovrano, presso cui sono allocate anche la biblioteca privata e le macchine fisiche. La biblioteca privata occupa otto stanze, seguita dalle due stanze dove sono poste le macchine fisiche.

Delle due stanze, la prima è destinata alla fisica matematica e alla chimica, con le classi di Astronomia, Geodesia, Meccanica, Statica e Dinamica, la seconda alla Fisica sperimentale, con le classi di Pneumatica, Calorico, Elettricismo, Magnetismo e Meteorologia.

Leggi anche

  • Collezione RealeCollezione Reale La Collezione del Museo di Fisica deve una parte cospicua della propria dotazione […]
  • Macedonio MelloniMacedonio Melloni Nato a Parma l'11 aprile 1798, all'età di ventun anni si trasferisce a Parigi per […]
  • Collezione MelloniCollezione Melloni Macedonio Melloni può essere annoverato tra i maggiori fisici italiani della prima metà […]
  • Gabinetto FisicoGabinetto Fisico Il Gabinetto fisico è istituito con il regio decreto del 1811 ed è annesso alla già […]
  • Età postunitariaEtà postunitaria Ha una formazione scientifica diversa il nuovo professore di fisica sperimentale […]
  • Età preunitariaEtà preunitaria Il Gabinetto Fisico è istituito con Regio Decreto del 1811 ed è annesso alla già […]